pace

Il cantiere della pace

Oggi, così come nella notte dei tempi, Dio interpella il cuore dell’uomo: «Dov’è tuo fratello?». Il Dio creatore del cielo e della terra mostra il suo volto di padre. La domanda rivolta a Caino è la stessa che risuona, con rinnovato vigore, in questo tempo. La risposta può determinare il corso della storia di ogni uomo e, al contempo, dell’umanità intera. Si tratta di abbracciare o respingere il sogno di Dio sull’uomo, di realizzare o rinnegare la comune vocazione ad essere figli e fratelli.

Il cantiere della pace

 

Oggi, così come nella notte dei tempi, Dio interpella il cuore dell’uomo: «Dov’è tuo fratello?». Il Dio creatore del cielo e della terra mostra il suo volto di padre. La domanda rivolta a Caino è la stessa che risuona, con rinnovato vigore, in questo tempo. La risposta può determinare il corso della storia di ogni uomo e, al contempo, dell’umanità intera. Si tratta di abbracciare o respingere il sogno di Dio sull’uomo, di realizzare o rinnegare la comune vocazione ad essere figli e fratelli.

"Beati gli operatori di pace" - Anche l'AC in marcia a Lecce.

Si è svolta il 31 dicembre a Lecce la 45esima edizione della Marcia della pace, promossa da Azione cattolica italiana, Caritas, Pax Christi e Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro, insieme con la locale Arcidiocesi. A rappresentare l'AC era presente il vescovo Sigalini, oltre a numerosi giovani e adulti delle realtà locali che hanno marciato per il centro della città con migliaia di "operatori di pace".